giugno 2010
   

L’Editoriale di Gianluigi Zenti

L’uomo mangia; solo l’uomo intelligente sa mangiare.
Anthelme Brillat-Savarin

Prodotti tipici di Parma

È con gioia che vi presentiamo Italian Food Lovers, il nuovo magazine online di Academia Barilla.
Un mensile dedicato al piacere del viaggio, della scoperta del territorio italiano e dei suoi tanti frutti, dal paesaggio all’arte, alla cucina.
Insomma, il cibo, il buon cibo italiano, ma non solo: anche le sue mille relazioni con l’ambiente, la storia, la società, la cultura.

Academia Barilla è nata nel maggio 2004 a Parma, nel cuore della Food Valley italiana, per promuovere la cultura gastronomica del nostro Paese.
Per farlo, ha scelto di puntare su tre attività.

Anzitutto, la selezione e commercializzazione di prodotti autentici della tradizione italiana, espressione dell’antica sapienza artigianale della nostra gente.

Poi, l’organizzazione di corsi volti, non solo all’approfondimento delle tecniche della nostra cucina, ma anche alla trasmissione di tutte quelle emozioni, atmosfere e suggestioni che connotano il rapporto di noi italiani con il cibo: quando andiamo al mercato a fare la spesa, quando cuciniamo per la famiglia o per gli amici, quando ci ritroviamo tutti insieme a tavola.
Esperienza del cibo che favoriamo anche con l’organizzazione di tour guidati nel territorio, dove non si visitano solo aziende di produzione o ristoranti, ma anche cattedrali, castelli e borghi antichi.

E poi, forse stimolati dalla presenza in Academia Barilla di una ricchissima Biblioteca gastronomica, investiamo sulla diffusione di contributi editoriali. Questa nuova rivista nasce proprio dal desiderio di rafforzare e arricchire la nostra idea che il cibo sia cultura.

Attraverso i suoi contenuti, vi porteremo nell’Italia delle Regioni e delle sue tante cucine, dalla siciliana pasta con le sarde allo strudel del Trentino Alto Adige.
Con un obiettivo: farvi scoprire anche l’Italia meno conosciuta, quella delle mete un po’ meno turistiche, ma ricche di un patrimonio gastronomico e culturale che rischiamo di dimenticare e che, invece, costituisce una grande risorsa.
Con un occhio anche alla scienza, a tutte quelle conoscenze che contribuiscono a sviluppare il talento del mangiar sano.

Buona lettura a tutti, dunque. Soprattutto, che sia di vostro gusto!

Di Gianluigi Zenti Direttore Editoriale Italian Food Lovers


Tag:, ,

Lascia un Commento